Come vi sarete accorti, tra i modelli da noi testati ci sono per lo più smartphone di produttori asiatici. La lista è davvero lunga, e sembra crescere ogni giorno. Molti piccoli imprenditori cinesi vogliono competere con le grandi firme come la OnePlus, la Xiaomi e la Huawei. Ormai da anni il segreto del successo sembra essere copiare (non da vedere in maniera negativa) i modelli più famosi come il Mi Mix di Xiaomi o il Galaxy S8 della Samsung. La Leagoo, la Meiigoo e la Homtom, sono le marche che più si sono spinte nella creazione di cloni dell’S8. Anche la Blackview fa del suo meglio. Ma per distaccarsi dalla massa, è necessario offrire qualcosa di nuovo. Nel caso del P6000, la Blackview ha fatto del suo meglio per stupirci, e tenta di essere il primo produttore ad offrire uno smartphone con oltre 6000mAh di capacità della batteria, che però risulti ancora maneggevole. In combinazione con un hardware davvero potente, il P6000 sembra essere davvero un ottimo acquisto. Se quello che ci viene promesso viene anche mantenuto, lo scoprirete in questa recensione.

Design / Qualità costruttiva / Confezione

Blackview P6000 Hülle

Una batteria potente ha sempre bisogno di molto spazio. Chi speri che questo non sia il caso del P6000, purtroppo dovrà ricredersi. Ma non smettete di leggere proprio adesso! Perché di fatto la Blackview tenta di rendere il suo dispositivo il più compatto possibile nonostante la batteria gigantesca! Le dimensioni dello smartphone sono di 76,5 x 154,2 x 9,8mm. Ovviamente è un po’ più spesso del normale, ma almeno la Blackview riesce a non renderlo troppo grande. Oltre a queste dimensioni, il telefono conta con un peso di 238g (da noi pesato), a causa della sua batteria. Pesando il telefono con la cover in silicone trovata nella confezione, il peso arriverà a ben 255g. Diciamo che tenendo il telefono nella tasca dei pantaloni, ci accorgeremo sempre della sua presenza.

Blackview P6000 Display 3 Blackview P6000 Rückseite 2

Il Blackview P6000 è disponibile in due colori. Si può infatti scegliere tra „Cool Black“ (nero) o  „Dazzle Blue“ (blu). La facciata posteriore ha dei lati arrotondati che rendono il telefono molto comodo da tenere in mano, il suo colore è molto acceso e riflette la luce. Le cornici del telefono sono invece in alluminio e hanno un colore più opaco. Il resto è tutto come al solito: sul lato destro troviamo i pulsanti per regolare il volume e per accendere e spegnere il dispositivo. Entrambi hanno un punto di pressione molto buono e sono facili da raggiungere siccome sporgono un po’ dalla cornice. Sul lato sinistro si trovano gli scompartimenti per le SIM, che offrono abbastanza spazio per 2 Nano-SIM. Si tratta però di slot ibridi, infatti uno dei due può venire usato per espandere la memoria del dispositivo tramite una scheda-SD o per utilizzare la funzione Dual-SIM. Sul alto inferiore del dispositivo troviamo un attacco USB di tipo C. Al lato di questo troviamo il piccolo foro del microfono. L’altoparlante si trova sul lato posteriore del telefono. Sempre qui, in altro a sinistra troviamo la doppia fotocamera con un doppio flash integrato. Non ho ancora accennato dove si trova l’attacco AUX… semplicemente perché non si trova da nessuna parte! Per lo meno la Blackview ci invia anche un adattatore (da USB-C ad attacco jack). Ma in questo modo siamo sempre obbligati a portarci dietro il mini adattatore. 

Blackview P6000 Design Verarbeitung 1 Blackview P6000 Design Verarbeitung 3 Blackview P6000 Design Verarbeitung 2 Blackview P6000 Design Verarbeitung 4

Il sensore di riconoscimento delle impronte digitali si trova sulla facciata anteriore, sotto il display. Non dispone di Hub. Se lo si tocca una volta, l’utente accederà alla schermata usata in precedenza. Se lo si tocca due volte o lo si tiene premuto, si verrà portati di nuovo alla schermata principale. Non sono disponibili pulsanti soft-touch. Tuttavia, i pulsanti on-screen possono anche venire nascosti o, se necessario, venire mostrati semplicemente impostando le opzioni dal menu. Inoltre, troviamo anche un pulsante Home tipico di Android. L’utente stesso può impostare cosa desidera fare tenendo premuto questo pulsante, o schiacciandolo due volte. Il LED di notifica si trova accanto alla fotocamera anteriore e si illumina in un totale di 6 colori, che sono liberamente personalizzabili dal menu.

Blackview P6000 Lieferumfang

Nella confezione del Blackview P6000 troviamo i seguenti accessori :

  • Cellulare
  • Caricatore USB di tipo C
  • Adattatore per la ricarica rapida
  • Pellicola protettiva per il display
  • Libretto delle istruzioni
  • Cover in silicone
  • Auricolari In-Ear
  • Adattatore da USB di tipo C ad attacco 3,5mm per le cuffie
  • Cavo OTG
  • Anello di sostegno per il cellulare

 

Riassumendo il tutto, dobbiamo davvero ammettere di essere soddisfatti con il Blackview. Non solo sono riusciti a creare un cellulare con un ottima qualità costruttiva e di un buon livello, ma hanno anche aggiunto una batteria da oltre 6000mAh, così che il dispositivo risalti tra la concorrenza. Chiaramente non sono riusciti a fare molto per quanto riguarda il peso e le dimensioni del telefono, che risulta un po’ più spesso di un normale 5,5 pollici. A parer nostro, hanno fatto del loro meglio e la simbiosi tra telefono compatto e grande batteria non poteva uscire meglio!

Display

Nel Blackview P6000 troviamo un display IPS da 5,5 pollici di JDI (Japan Display Inc.), con una risoluzione Full-HD da 1080 x 1920 pixel. Il risultato sono 401 pixel per pollice. L’immagine riprodotta è nitida e i singoli pixel non sono più riconoscibili. Il margine al lato del display non è molto stretto, come per esempio negli attuali “display Tri-Beezless”, ma con circa 3mm risulta piuttosto sottile.

Blackview P6000 Display 2 Blackview P6000 Display 1

Il P6000 ha un rapporto Screen-to-Body di appena 71%. Non è un valore particolarmente buono, ma la Blackview non aveva certo puntato su questo. Grazie al vetro 2.5D, le cornici del display vengono arrotondate. Purtroppo il P6000 non dispone di un Gorilla Glas ma include nella consegna una pellicola trasparente protettiva per il display.

Il touchscreen registra fino a 10 tocchi contemporaneamente, anche se a volte reagisce lentamente. Ce ne siamo accorti sia durante il test, che durante l’uso quotidiano del dispositivo. É capitato addirittura che il touchscreen non registrasse nemmeno un tocco. Durante la fase di test ad esempio, avevo impostato la sveglia alle 6:30, e spesso il telefono non riconosceva il mio tocco, mentre cercavo di spegnerla e non è stato facile resistere alla tentazione di lanciare il telefono contro il muro. Comunque sia, speriamo che questo piccolo bug sia solo un’eccezione. Toccando il telefono con 3 dita, ne vengono riconosciute solo 2, però per fare uno screenshot sono necessari 3 tocchi contemporaneamente.

Blackview P6000 Benachrichtigungs LEDIl display ha una luminosità abbastanza alta. Nel lato superiore del display, si arriva a una luminosità di 498 Lux, mentre la luminosità del lato inferiore del display registra circa 432. Nell’uso quotidiano del telefono non ce ne si accorge minimamente. A parer mio la luminosità del display è abbastanza forte e potrebbe addirittura venire un po’ abbassata.

Blackview P6000 Split ScreenL’angolo di visuale del telefono rimane sempre buono. Né i colori, né il contrasto vengono modificati secondo la prospettiva da cui guardiamo il display. Inoltre è possibile modificare le impostazioni del display e impostare la modalità „LiveDisplay“, in tal modo è possibile modificare la saturazione a piacimento. Si può persino impostare un timer che cambia la saturazione del display ad orari precisi. Dalla Blackview il LED di notifica csi chiama Lucina di respiro.

Il telefono offre la possibilità di utilizzare il display diviso in due. In tal caso sarà possibile utilizzare due applicazioni contemporaneamente. É possibile anche impostare gesti diversi per sbloccare il telefono, ma come abbiamo già detto, il touchscreen non è dei migliori e quindi sarà possibile solamente sbloccare velocemente la fotocamera, premendo due volte velocemente il tasto di accensione e spegnimento.

Prestazioni

Blackview P6000 3D MarkBlackview P6000 AnTuTu

Blackview P6000 CPU ZBlackview P6000 Geekbench

Il P6000 dipone di un processore Helio P25 con 8 nuclei di MediaTek. Questi 8 nuclei si dividono in 2 cluster. Il primo cluster ha 4 nuclei Cortex A53 che arrivano fino a 2,6 GHz. Invece, per i compiti più semplici, verranno utilizzati gli altri 4 nuclei, che raggiungono una frequenza massima di 1,6 GHz. Grazie ai 16 nanometri, il processore è decisamente efficiente, anche in fatto di consumo energetico, è in grado di offrire abbastanza energia anche per i compiti più complicati. A proposito energia: attualmente, esistono molti smartphone che hanno più memoria di molti computer. Nel caso del P6000, il SoC offre ben 6 GB di RAM. Le attività di multitasking vengono eseguite dallo smartphone senza ritardi. Il GPU Mali-T880 si occupa della grafica. L’ hardware integrato non è al massimo livello, ma offre comunque all’utente una potenza sufficiente per quasi tutte le attività. Giocare ad “Asphalt 8”, ad esempio, funziona senza problemi anche con la grafica impostata al massimo. Il surriscaldamento del dispositivo viene mantenuto entro i limiti.

Blackview P6000 Speicher

Il Blackview ha un totale di 64 GB di memoria principale. Tuttavia, bisogna anche ricordare che secondo Testapp, il P6000 ha solo poco più di 52 GB. Meno il sistema operativo, l’utente ha quindi meno di 50 GB disponibili. Se lo spazio non fosse sufficiente, è possibile espandere la memoria tramite una scheda SD (fino a 128 GB). Ma, ovviamente, a spese della seconda Nano-SIM. La memoria interna raggiunge la velocità di 123 MB / s di lettura e 220 MB / s  di scrittura, che sono valori abbastanza buoni. Con una velocità di lavoro da 4,5 GB / s, la memoria principale è perfettamente nella media.

Il SoC non è certamente di alto livello, ma fornisce energia sufficiente per tutte le app e le attività. Il multitasking non è quindi un problema. Si può quindi navigare senza esitazione. Asphalt 8 funziona benissimo anche con la grafica al livello massimo! Nei benchmark di Antutu, il P6000 raggiunge ben 67.432 punti. In Geekbench invece raggiunge 3864 nel multi-core e 868 nel single-core. Tutte le attività di base come la navigazione, WhatsApp, Facebook, Video e Co., funzionano perfettamente con il P6000. In questo caso la Blackview non sbaglia nulla.

Antutu Risultato Geekbench Multi Risultato Geekbench Single Risultato 3D Mark Risultato

Android

Blackview P6000 HomeBlackview P6000 Status BarBlackview P6000 Maleware

Il P6000 ha un sistema Android 7.1.1. L’attuale patch di sicurezza è quello di inizio novembre 2017. Tutte le applicazioni standard di Google sono ovviamente già preinstallate sullo smartphone. Maleware o bloatware non sono stati registrati durante la fase di test! Eventuali aggiornamenti vengono comodamente controllati tramite la OTA. Una caratteristica che mi è piaciuta, è la possibilità di personalizzare la “barra di navigazione”. Quindi, volendo, la si può nascondere da un lato o dall’altro, inoltre anche che i 3 tasti Android, possono venire modificati a piacere. È anche disponibile il popolarissimo App Drawer. Ma non viene mostrato come al solito (come un’icona con 3 puntini), ma viene un po’ di nascosto.

Blackview P6000 Autostart

Inoltre, il P6000 offre la funzione di bloccare qualsiasi app con un segno a piacere o con l’utilizzo dell’impronta digitale. Quindi nessuno potrà aprire Whatsapp, ad esempio, anche se il dispositivo è sbloccato. Nelle impostazioni della batteria del sistema c’è l’opzione per visualizzare tutte le applicazioni attualmente in uso, ed eventualmente disabilitarle.

Il sistema funziona veloce e senza errori. Blackview modifica solamente la barra di stato e alcune icone delle applicazioni. Altrimenti, possiamo dire che si tratta di un puro sistema Android Stock.

 

Fotocamera

 

Blackview P6000 Dual KameraLa Blackview monta sul suo P6000 una fotocamera principale da 21 megapixel che viene supportata da un’altra fotocamera secondaria da 0,3 MP. Il sensore IMX230 Exmor della Sony dispone di una lente da f/2.8. Ovviamente, anche la Blackview segue la moda cinese di pubblicizzare doppie fotocamere, pur non avendone installate nel suo dispositivo. Qui, lo smartphone si unisce a tutta una serie di dispositivi, che promettono al cliente una doppia fotocamera per fantastici effetti bokeh, ma che alla fine si dimostrano solo dei fantocci. L’effetto bokeh viene aggiunto successivamente alla foto grazie a un filtro. Come già accennato nella nostra anteprima, il numero di pixel disponibili non è un fattore decisivo per la qualità delle foto, ma piuttosto l’insieme di tutti i componenti. L’esperienza ci ha dimostrato, che le fotocamere con più di 16 MP in condizioni di scarsa illuminazione scattano foto molto mosse. Sorprendentemente invece, con il P6000 siamo riusciti a fare scatti davvero belli, addirittura senza utilizzare la modalità HDR! La fotocamera inoltre dispone di uno zoom digitale. Sono rimasto davvero colpito dalla velocità della messa a fuoco della fotocamera. Le foto vengono messe a fuoco subito, senza bisogno di aspettare nemmeno un secondo! Anche se ci si dovesse muovere un po’ durante lo scatto, le foto non risultano né mosse, né da buttare! Ho testato molti dispositivi fino adesso, e una cosa del genere non mi è capitata spesso. I colori potrebbero essere un pochino già accesi, ma considerato che ho testato il telefono in Germania in inverno, non potevo certo aspettarmi dei colori più allegri 😛 . C’è da aggiungere che i valori ISO, luminosità, saturazione e contrasto possono venire modificati manualmente.

La fotocamera frontale ha una risoluzione di 8MP e secondo la scheda tecnica utilizza un sensore Hi-846 del produttore Hynix, con una lente f/2.4. Anche le foto fatte con la fotocamera frontale sono di ottima qualità. É chiaro che se stiamo li a guardare il pelo sull’uovo ci accorgiamo che le foto non sono delle più nitide. Ma trattandosi di selfie, la nitidezza non è il fattore più importante. I video possono venire mostrati fino in qualità Full HD.

L’unica critica che ci sentiamo di smuovere per quanto riguarda la fotocamera del P6000, è ovviamente la pubblicità ingannevole che viene fatta alla sua doppia fotocamera. La Blackview avrebbe potuto benissimo risparmiarsela viste le ottime foto che ci regala questo dispositivo.

Connettività e comunicazione

Blackview P6000 Sim Netz EmpfangIl P6000 supporta tutte le reti importanti in Italia. Ad esempio la banda 20 è a bordo. Il P6000 offre inoltre un ottima connessione di rete. Per navigare e determinare la posizione, il cellulare utilizza il GPS e il Glonass. Sia per la navigazione pedonale che per quella in auto, il P6000 non ci ha mai delusi. Dopo aver attivato la determinazione della posizione, il telefono ci troverà in pochi secondi con una precisione di 3 metri.  

Blackview P6000 GPS

Lo smartphone dispone di un Bluetooth nella versione 4.1 e del WiFi Standard 802.11b/g/n tra 2,4 e 5,0 GHz. Sono rimasto davvero colpito dalla potenza della ricezione, infatti riuscivo a connettermi al WiFi di casa mia anche dalla strada (vivo al quinto piano) e riuscivo a navigare senza rallentamenti. Una cosa del genere non mi era mai successa. Questo telefono dalla batteria gigante non supporta né il NFC, né la ricarica senza fili, però offre la funzione di riconoscimento facciale. Quindi non saranno necessari segni, PIN o impronte digitali per sbloccare il telefono. Possiamo trovare la registrazione del volto nelle impostazioni di sicurezza di Android. Se si avvicina la fotocamera al volto, e si sblocca il display premendo il pulsante di accensione dallo stand-by, il P6000, tramite riconoscimento facciale, sbloccherà lo smartphone. Questo almeno nella teoria! Nella pratica le cose stanno decisamente in un altro modo, infatti questa modalità non funziona! Per lo meno nel mio caso, non è stato possibile determinare come e quando il telefono riconosce il viso. Infatti il cellulare non notificherà se il viso è stato riconosciuto, o registrato o niente. Se qualcuno di voi capisse come funziona questo “Face-Unlock” per favore scrivete un commento qui sotto e ditemi se mi sbaglio! 🙂 

Blackview P6000 SensorenNel P6000 troviamo tutti i sensori di base come di luminosità, accelerazione e avvicinamento. Inoltre abbiamo una bussola, un giroscopio, l’hallsensor, e un sensore di campo magnetico, tutti questi svolgono molto bene il loro compito. Il sensore di luminosità però non funziona troppo bene. Conosce solamente 3 livelli di luminosità: 133 lux al buio, o alla luce del giorno normale (il che è già abbastanza contraddittorio di per sé). In caso scarsa luminosità, il livello di illuminamento sale da 304 fino a un massimo di 502 lux. Da questo capiamo subito che il controllo automatico della luminosità a seconda delle condizioni di luce non funziona in modo soddisfacente.

Blackview P6000 Audio FXLo sblocco attraverso le impronte digitali funziona abbastanza bene. Di 10 tentativi consecutivi, il dispositivo è stato sbloccato ogni volta direttamente e rapidamente. Non appena il P6000 riconosce il collegamento delle cuffie, apre subito il pannello “Audio FX”. Qui puoi personalizzare l’esperienza sonora secondo le tue preferenze. Mi è piaciuta questa funzione, anche se a parer mio “Clear” offre un suono più equilibrato. Il suono dell’altoparlante è a un livello standard. Non c’è profondità, ma non è nemmeno molto metallico. Per quanto riguarda la qualità delle conversazioni, non è nulla di cui lamentarsi.

Durata della batteria

Blackview P6000 Batter TestCome il nome stesso del telefono ci suggerisce, il P6000 dispone di una batteria dalla capacità di 6000mAh… anzi, anche di più! Lo smartphone monta una batteria Li-Ion da ben 6180mAh. Non mi capita spesso che il test della batteria di un dispositivo impieghi così tanto tempo! Il telefono infatti riesce a tenere duro ben 16 ore! Di solito ci teniamo a precisare se il telefono arriva a fine giornata anche dopo un utilizzo non intensivo, ma in questo caso non ci sembra necessario faro. Piuttosto, nel caso del P6000 potremmo chiederci se con un utilizzo normale il telefono arrivi a fine settimana. 🙂

La risposta è no: utilizzando il telefono normalmente, andando su internet, chiamando ogni tanto, una ricarica completa del telefono cederà almeno dopo 2 o 3 giorni. Utenti che usano il telefono ancora meno, riusciranno ad arrivare a 4 o 5 giorni. Un video di YouTube da 2 ore, a luminosità media, consuma solamente il 12% della batteria.

Il cellulare viene caricato con un cavo da 12V/2A da un attacco USB-C. La carica completa dal 5 al 100% dura ben 3 ore e 40 minuti. Dobbiamo dire che l’adattatore per la ricarica rapida che ci era stato consegnato era difettoso. Questo è ovviamente inaccettabile per un telefono nuovo. Quindi mi sono dovuto arrangiare con un cavo 5V/2A. Di conseguenza non sarei in grado di giudicare la funzione di ricarica rapida di questo dispositivo. Supponiamo comunque che si tratti di un caso isolato. In media un telefono Blacview si carica del 70% in un’ora.

Risultati durata della batteria Risultato Unità di misurà: ore

 

Conclusione e alternativa

7f383487dbcb98209350596a690860ea s131
Christian Müller:

La Blackview in questo modello è riuscita ad riunire ben 3 cose: una batteria incredibilmente potente, un cellulare dal design decisamente compatto e un hardware che funziona a meraviglia! Il pacchetto completo suona davvero intrigante, ma ovviamente dobbiamo dare un’occhiata anche ai difetti del P6000:

A causa della sua batteria, lo smartphone è decisamente più pesante di altri modelli. 238g non sono ancora un peso massimo, ma è scomodo! Un altro punto a sfavore di questo cellulare è ovviamente la dual-camera fasulla. L’effetto bokeh è dato solamente da un filtro niente speciale. Le fotocamere principale e anteriore fanno comunque scatti niente male, nonostante la mancanza della funzione HDR.
Il P6000 potrebbe dirsi un predecessore dei display Tri-Bezelless. Infatti il suo rapporto Screen-to-Body è del 71%, quindi niente male. Lo schermo reagisce un po’ lentamente ai comandi. A volte dopo lo sblocco dallo stand-by ho dovuto aspettare qualche secondo prima di poter utilizzare il telefono. Infine, dobbiamo accennare nuovamente che la funzione “Face Unlock” è decisamente difettosa e che l’adattatore per la ricarica rapida che ci è stato consegnato non era funzionante. Il che mette il P6000 un po’ in ombra.

Il Blackview P6000 è pensato per utenti che hanno bisogno di un telefono con una batteria molto potente, con ottime prestazioni, che però hanno anche voglia di portarsi sempre appresso 2,4 etti di telefono. Chi potesse rinunciare a funzioni come il “Face-Unlock”, e non avesse problemi ad aspettare la reazione del touchscreen per qualche secondo, può tranquillamente comprare questo modello. A tutti gli altri noi consigliamo di guardare il Xiaomi Redmi Note 4X, che costa anche meno.

77%
  • Design e qualità costruttiva 70 %
  • Display 60 %
  • Sistema Operativo e prestazioni 80 %
  • Fotocamera 70 %
  • Connettività e comunicazione 80 %
  • Batteria 100 %

Confronto prezzi

"Ni hao! Se il nostro rapporto di prova vi ha aiutato, saremmo lieti di ricevere il vostro sostegno. Cliccando sul nostro confronto dei prezzi, ci supporti con il tuo acquisto. Così ci aiutano a gestire Chinahandys.net ulteriormente in modo indipendente e senza pubblicità. Grazie mille".
214 EUR*
5-10 giorni – DHL Economy
Vai al negozio
229.92 EUR*
10-15 giorni – Spedizione economica
Vai al negozio
Solo 250 EUR*
2-3 giorni – Spedizione dall'Italia
Vai al negozio
251 EUR*
15-20 giorni – Italy Express
Vai al negozio

*I prezzi includono la spedizione e dazi doganali. Modifiche intermedie dei prezzi, classifiche, tempi di consegna e costi possibili. Prezzi aggiornati il 26.04.2018

Ordina la newsletter
Ricevi direttamente nella tua cassetta della posta tutte le novità sui cellulari e i gadget dalla Cina!

Scrivi un commento

 
  Subscribe  
Notificami