All’inizio dell’anno vi avevamo presentato il nuovissimo K1, del produttore Koolnee. Kool…? Non conoscete la Koolnee? Speriamo allora di cambiare le cose! Questo produttore cinese ha ingranato con questo modello e ora non ha intenzione di fermarsi! Siamo stati subito colpiti dal display incredibile senza margini e dalle ottime prestazioni. Persino la fotocamera non era affatto deludente. Purtroppo però, c’era anche qualche pecca, la batteria non era tra le più potenti e durava appena 5 ore, inoltre, avevamo trovato piccoli errori nel sistema e il display era molto fragile. Con il K1 Trio, la Koolnee ci presenta il suo secondo smartphone! Scopriamo insieme in questa recensione, come questo modello si difende dalla concorrenza, e se la Koolnee ha riparato le piccole falle del suo primo modello.

Design / Qualità costruttiva / Confezione

Ci sono venute in mente tre diverse possibili spiegazioni per le quali la Koolnee potrebbe aver chiamato il suo secondo modello “Trio” – visto che a prima vista non ha nulla a che fare con il suo predecessore:

  • Trio potrebbe rappresentare il 3 che troviamo nel nome del processore implementato, un Helio P23 – un bell aggiornamento rispetto al MT6750T
  • Con Trio si potrebbe fare riferimento ai 3 scompartimenti, 2 per le schede SIM e 1 per la Micro-SD
  • Magari invece, con “Trio” la Koolnee vuole fare riferimento al design senza 3 margini, orientato all’S8 – probabilmente la spiegazione più credibile 😉

Trova schede Micro-SDs adatte su Amazon.it

Koolnee K1 Trio Render

La prima volta che ho visto il K1 Trio, devo ammettere di essere stato un po’ scettico. Pensavo di avere davanti a me un altro noiosissimo clone del Galaxy S8. Come se non fossero bastati l’Homtom S8, il Leagoo S8, il Blackview S8 o il Meiigoo S8… E ora ci si mette pure la Koolnee? Ma le specifiche tecniche mi avevano incuriosito un po’. Appena preso in mano il telefono, sono diventato ancora più scettico, vedendo la somiglianza anche nelle dimensioni. Il dispositivo è spesso 8,7mm, largo 75,3mm, lungo 157,3mm ed sta assurdamente bene nella mano. Complessivamente, pesa ben 214g e utilizzando la cover che troviamo compresa nel pacchetto, raggiunge i 230g. Raramente sono stato colpito da uno smartphone a prima vista. Accendendo il K1 Trio per la prima volta, il grandioso display brilla nella sua piena gloria. I bordi del display sono spessi solamente 2mm e sono estremamente stretti. Questo è il “Tri-Bezel-Less” per eccellenza!

Koolnee K1 Trio 1 Koolnee K1 Trio 2 Koolnee K1 Trio 4 Koolnee K1 Trio 5

Sotto al display, si trova un bordo di 18mm. Qui ci sono il sensore di impronte digitali e la fotocamera frontale. Avete sentito bene! Di conseguenza, per fare i selfie, farai meglio ad abituarti a dover capovoltare il telefono. Lo smartphone è disponibile nei colori nero e blu. Mi è piaciuta particolarmente la versione blu. La parte anteriore del display, così come la parte posteriore brillano in un bellissimo blu cielo, la cornice è in un argento luminoso opaco. Gli angoli arrotondati del display e della facciata posteriore, tuttavia, sono abbastanza lucidi. Sul retro, nella parte superiore, si trovano la dual-camera e il flash LED. La facciata posteriore è relativamente incline alle ditate. Tuttavia, queste non sono subito visibili grazie alla vernice leggermente opaca. Ci sono alcune buchini intorno alla cornice. Sebbene siano minuscoli e difficilmente percettibili, esiste sempre il rischio che vi si accumuli lo sporco.

Koolnee K1 Trio HomeButton

Luce LCD che brilla da sotto il pulsante Home

Un altro piccolo problema è il bottone home / scanner delle impronte digitali. Qui la fessura è leggermente larga del dovuto e risulta quindi possibile vedere la luce LCD che brilla da dentro il dispositivo. Durante l’utilizzo quotidiano quasi non ce ne si accorge, ma utilizzando il telefono di notte con la luminosità alta si. Ultimo ma non meno importante, durante le due settimane di prova, il coperchio della fotocamera principale è caduto. Deduciamo che fosse stato semplicemente incollato.

Koolnee K1 Trio Kameraabdeckung

Ops

Sul lato sinistro della cornice metallica troviamo il pulsante del volume. Il pulsante di accensione invece si trova sulla destra. Sebbene entrambi i pulsanti abbiano un punto di pressione piacevole, risultano abbastanza traballanti. Nella parte superiore della cornice è presente lo scompartimento delle SIM. Questo è leggermente sgangherato e sembra molto economico. Il corpo in metallo è interrotto solamente dalle 2 linee di antenna in plastica per garantire una buona ricezione. Sul fondo ci sono 4 fori per l’altoparlante, al centro la porta USB, il microfono e il jack per le cuffie. Il sensore di impronte digitali si trova nella facciata anteriore sotto al display. Questo è senza hub. Toccando il pulsante una volta, svolgerà la funzione “indietro”. Visto che tutti i sensori necessari sono sopra al display, il produttore non ha trovato spazio per un LED di notifica. Un vero peccato!

Nella confezione del Koolnee K1 Trio sono inclusi:

  • Lo smartphone
  • Un caricatore USB
  • Adattatore per la ricarica rapida (Quick-Charge)
  • Manuale di avvio rapido
  • Cover in silicone TPU
  • Chiave per aprire il vano SIM
  • Pellicola protettiva trasparente

Anche se il K1 Trio si unisce alla lunga lista di cloni dell’S8, il telefono sembra così elegante che rinunciarvici non è semplice. Qui e là ci si rende conto, però, che la Koolnee è ancora piuttosto nuova sul mercato: lo scompartimento della SIM e i pulsanti di avvio e di regolazione del volume sono un po’ scadenti. Speriamo che il giovane produttore sistemi queste piccolezze nei suoi modelli successivi. Prima impressione ottima, ma è nei dettagli che ci si perde.

Display

Il K1 Trio ha un display IPS da 6.0 pollici in formato 18:9. La risoluzione è di 2160 x 1080 pixel, con un risultato di 402 PPI. Il display è semplicemente fantastico! L’immagine riprodotta è molto nitida e i singoli pixel non vengono riconosciuti. A causa dei bordi estremamente stretti del display (Tri-Bezel-Less), il K1 Trio ha un rapporto schermo-corpo di poco più del 78%. Grazie al vetro 2.5D, i bordi del display sono ben arrotondati. Tuttavia, il K1 Trio non dispone di un Gorilla Glass, così come il Koolnee K1 che avevamo testato testato in precedenza. Quindi vi raccomandiamo assoluta cautela durante l’utilizzo!

Koolnee K1 Trio 9 Koolnee K1 Trio 10

Il touchscreen registra fino a 5 tocchi contemporaneamente, sempre che si abbia disattivato l’acquisizione dello schermo con 3 dita. Il TouchScreen risponde bene e velocemente ai comandi. Il display è molto luminoso: anche alla luce diretta del sole è ancora possibile vederne il contenuto, sebbene il display rifletta molto fortemente la luce. In alto, il display raggiunge un valore massimo di 620 Lux un valore molto buono. Al centro dello schermo, arriviamo al 593 e nella parte inferiore del display a 557 lux (valore ancora buono). La stabilità dell’angolo di visione è sorprendente. I colori sono molto forti e l’utente può regolare le impostazioni dello schermo a suo piacimento grazie a MiraVision.

In linea di principio, lo schermo mi è piaciuto molto. Considerando il basso prezzo di acquisto del K1 Trio, lo schermo è davvero fantastico. Ciononostante, preferiremmo pagare un po’ di più e avere così un Gorilla Glas. Hanno risparmiato nella parte sbagliata? Finché utilizzi lo smartphone con cura, sicuramente non succederà nulla… ma non appena questo cade sul pavimento ci sarà sicuramente da piangere.

Prestazioni

Koolnee K1 Trio CPU Z Koolnee K1 Trio Geekbench

Koolnee K1 Trio AnTuTuKoolnee K1 Trio 3DMark

Nel K1 Trio, troviamo il nuovissimo SoC Helio P23 di classe media del produttore taiwanese MediaTek. Si dice che questa nuova generazione di “sistemi a un chip solo” sia particolarmente efficiente dal punto di vista energetico, rimanendo comunque potente, ed è prodotta utilizzando un processo a 16 nm. Un altro punto a favore della serie Helio è la cosiddetta tecnologia CorePilot, che controlla gli 8 core ARM Cortex-A53 in modo tale da ottenere prestazioni ottimali, risparmiando allo stesso tempo batteria. Attività di elaborazione complesse vengono affrontate da 4 core che arrivano a 2,0 GHz. Le attività meno impegnative vengono eseguite dagli altri 4 core Cortex-A53 con un massimo di 1,5 GHz.

La memoria principale del Trio K1 è sufficiente. Il produttore utilizza una RAM Samsung molto spaziosa da 6GB. La sua velocità è di 4,3GB/s. Le attività multitasking vengono quindi eseguite dallo smartphone senza ritardi e non sovraccaricano il dispositivo velocemente. Una GPU Mali-T71 si occupa della grafica. Questa è stata rilasciata per la prima volta nell’S8 e nell’S8 Plus della Samsung. Questa GPU è uno dei chip grafici di fascia alta nell’area Android. Con esso, persino i giochi 3D più impegnativi possono essere visualizzati senza intoppi e in alta risoluzione. Siamo riusciti a giocare ad Asphalt 8 senza problemi, anche con la grafica impostata al massimo. Il gioco scorre velocemente con un’ottima grafica!

Il Koolnee K1 Trio piacerà molto a coloro che non riescono a liberarsi delle vecchie foto/video. Infatti, lo smartphone è dotato di ben 128GB di spazio libero. Se questo non fosse abbastanza, è possibile inserire una scheda SD, rinunciando però alla funzione Dual-SIM. La memoria interna raggiunge una velocità di lettura di 168MB/s e scrittura di 197MB/s. Nei benchmark da noi utilizzati, il K1 Trio ha raggiunto ben 65.181 punti in Antutu V7. Con Geekbench, ha raggiunto 3558 punti nel multi e 453 nel single-core.

Koolnee K1 Trio Speicher

I risultati dei benchmark dovrebbero fornire informazioni sulle prestazioni e sulla velocità degli smartphone. É sicuramente possibile parlare di differenze di velocità, ad esempio, confrontando uno Snapdragon 835 (182.000 punti Antutu, OnePlus 5) con un SoC low budget come l’MT6737 di MediaTek (29.450 punti Antutu – Leagoo M8 Pro). Se confrontiamo l’Helio P23 usato qui con un P25, il Koolnee K1 Trio ha prestazioni leggermente peggiori. Ma ciò non sarà evidente nell’uso quotidiano. Cosa intendo con questo? Che si tratta “solamente” di numeri, perché tutte le attività standard come navigare su internet, WhatsApp, Facebook, video e Co. vengono eseguite dal Trio K1 senza problemi. Non c’è nulla di cui lamentarsi.

 

Antutu Risultato Geekbench Multi Risultato Geekbench Single Risultato 3D Mark Risultato

Android

Koolnee K1 Trio HomeKoolnee K1 Trio DrawerKoolnee K1 Trio SystemKoolnee K1 Trio Menue

Molti utenti stanno ancora aspettando Android 8.0. Anche se si tratta di un “mainstream” per gli smartphone. Per quanto riguarda il Koolnee, al 99,9% dovremmo aspettare anche di più. È semplicemente irrealistico che Koolnee fornirà un aggiornamento a questo sistema. Tuttavia, eventuali aggiornamenti potrebbero essere installati comodamente tramite OTA. Per lo meno l’utente può godersi un sistema Android nella versione 7.1.1. La patch di sicurezza esistente si basa all’inizio del gennaio 2018. Tutte le app di Google standard sono naturalmente preinstallate sul telefono come standard.

Fortunatamente, è disponibile anche un Android App Drawer. Al contrario che con il Koolnee K1, si può tranquillamente installare un altro launcher e impostarlo come “standard”.

Fino a qualche mese fa, le doppie fotocamere erano considerate un must-have, e ora, grazie alla Apple, lo è anche il riconoscimento facciale. Koolnee ovviamente non poteva essere da meno e integra sul suo dispositivo il “Face Unlock”. La farò breve: questa modalità non funziona. Non sono nemmeno riuscito a registrare la mia faccia sul telefono. Presumo che la funzione Face Unlock sia semplicemente falsa, perché all’utente non viene segnalato se il volto è stato registrato o meno. Non vogliamo criticare la Koolnee solo per questo, se voi siete ci riusciti vi preghiamo di farcelo sapere. Forse funzionerà dopo un possibile aggiornamento da parte della Koolnee?

Koolnee K1 Trio Maleware negativAggiornamento 09.04.2018:

La Koolnee ci ha sentito e lo smartphone ha ricevuto un aggiornamento per la versione V5MA86A.YIN.KOOLNEE.FHJ.AN.0309.V3.04. 

Un nuovo test di malware fortunatamente non ha più trovato una minaccia nel sistema.

Già che ci siamo: un’altra critica allo smartphone è emersa durante la fase di test. Abbiamo installato sullo smartphone numerose app di sicurezza, con il risultato che un programma solo ha rilevato il Trojan Agent.AED.

Questo cavallo di Troia esegue attività in background senza che l’utente ne sia a conoscenza. Queste possono includere l’impostazione di connessioni con accesso remoto, l’acquisizione di sequenze di tasti o informazioni di sistema, nonché il download o caricamento di file e l’esecuzione/chiusura di processi.

Sfortunatamente, che alcuni produttori nascondano bloatware o malware sui loro smartphone non è una novità. La Koolnee sembra fare un ulteriore passo avanti. Mentre questi malware sono per lo più applicazioni di terze parti preinstallate e sconosciute che fortunatamente possono essere facilmente disinstallate, il Trojan è profondamente integrato nel sistema e non può essere rimosso. Secondo il programma di sicurezza, si trova nell’app delle impostazioni di Android. Qui puoi solo sperare in una Customs ROM. Non va per niente bene, Koolnee.

Koolnee K1 Trio FingerprintID

Come vuoi 🙂

Nel complesso, il sistema funziona molto velocemente, ma sembra che alla Koolnee manchi un po ‘di esperienza. Qua e là appaiono alcuni bug. Ad esempio, il Bluetooth si attivava a caso durante il periodo di prova di due settimane. Inoltre, all’inizio, la funzione torcia funzionava, ma poi il LED lampeggiava solo brevemente e poi si spegneva. Secondo il sistema, il sensore di impronte digitali si trova sul retro dello smartphone. Quindi, buona fortuna a trovarlo! 😉

Koolnee offre agli utenti che desiderano personalizzare il sistema a loro piacimento una caratteristica aggiuntiva e piacevole: il carattere di sistema può essere modificato a piacere. Il carattere desiderato può essere scaricato direttamente dal sistema e visualizzato nella libreria.

Koolnee sfortunatamente raccoglie alcuni punti negativi in quest’area. La prima impressione è chiaramente influenzata dai bug e dalla presenza di un Trojan. Speriamo che Koolnee ci ascolti e fornisca un aggiornamento che non solo corregga i bug minori, ma che sia anche “malware-free”.

Tuttavia, non escludiamo un falso allarme perché solo Malwarebytes ha scovato il Trojan. A questo punto, caricheremo il risultato del test se necessario!

Fotocamera

Il Koolnee K1 Trio dispone di una doppia fotocamera principale da 16MP con apertura f/2.2 supportata da una fotocamera aggiuntiva da 2MP. I video possono essere registrati al massimo in HD. Nel display in basso a sinistra si trova la fotocamera anteriore, anch’essa con apertura f/2.2, con ben 8MP. Qui, possiamo tranquillamente parlare dello svantaggio dei display Tri-Bezel-Less, dal momento che lo smartphone dovrà essere capovolto per fare i selfie. Se vi sono buone condizioni di illuminazione, è possibile fare buoni scatti con il Koolnee K1 Trio. Quando il cielo è nuvoloso o in stanze poco illuminate, le immagini non hanno una bella resa di colore. Anche la qualità dei selfie è soddisfacente, se si è in grado di sembrare rilassati mentre si prova in modo convulso a scattare foto con lo smartphone messo al contrario… è possibile scattare foto sia con il pulsante del volume che toccando il display. Più in dettaglio, o zoomando un po’, risulta evidente che i bordi dello schermo perdono molto in nitidezza. Ma per selfie standard la qualità offerta è sufficiente. Non vi lasciate confondere dalla “anteprima live delle foto”: se la guardate mentre la fotocamera frontale è attiva, queste foto risulteranno più sfocate di quanto non siano. La messa a fuoco automatica funziona in modo rapido e preciso e anche il tempo di scatto è fortunatamente molto breve. Inoltre, il proprietario dello smartphone ha la possibilità di effettuare varie modifiche nelle funzioni della fotocamera, come i valori ISO, l’intensità dell’esposizione, la localizzazione geografica o persino una selezione di effetti.

Koolnee K1 Trio Kameraeinstellungen

Impostazioni della fotocamera app

Non ho ancora parlato direttamente della funzione doppia fotocamera e dell’effetto bokeh associato. Bene, come potrei descriverlo al meglio? Iniziamo con le buone notizie. Il Koolnee ha effettivamente installato una doppia fotocamera. Non si tratta di un fantoccio, come abbiamo visto la maggior parte delle volte in passato. Se si seleziona la funzione corrispondente “SLR” nell’app della fotocamera, i margini del display diventano automaticamente sfocati. Se copri la parte superiore dei due obiettivi con il dito, l’immagine rimarrà, ma il filtro bokeh verrà spento. Ottenendo quindi una foto standard. Se si rimuove il dito, il filtro viene riattivato. Il display mostra anche la notifica di non oscurare l’obiettivo. Qual è quindi il problema? Molto semplice: il risultato non è buono. Soprattutto perché il grado di nitidezza non può essere regolato manualmente. Quindi, si tratta di nuovo solo un filtro aggiunto all’immagine reale. Per i primi piani, l’effetto bokeh è effettivamente buono, ma non offre in alcun modo la qualità dei modelli premium.

Connettività e comunicazione

Il K1 Trio supporta tutte le reti importanti in Italia, così come la banda 20. Quando si connette alla rete, il telefono non fa errori. Per la navigazione e il rilevamento della posizione, il dispositivo utilizza GPS, A-GPS e Glonass. La navigazione, a piedi o in macchina, non da problemi.

Koolnee K1 Trio 8 Koolnee K1 Trio 7

Koolnee K1 Trio GPSIl dispositivo supporta il Bluetooth 4.0 e il WiFi standard 802.11 b/g/n, nell’intervallo 2,4 e 5,0 GHz. La ricezione WiFi è molto buona. Questa ha retta dal 5° piano (dove si trovava il modem) fino al 2° piano. L’utente ha accesso a tutti i sensori comuni come luminosità, accelerazione e sensori di prossimità. Inoltre, troviamo una bussola, un giroscopio, il sensore di campo magnetico e il sensore Hall. Tutti i sensori svolgono i loro compiti precisamente come c’era da aspettarsi.

Koolnee K1 Trio Sensor

Lo scanner delle impronte digitali a volte fa i capricci e capita che non funzioni. Sebbene il dispositivo sia stato sbloccato 8 volte su 10 in modo diretto e rapido, il mancato riconoscimento del mio dito durante l’uso quotidiano è stato ripetuto più volte. D’altro canto, il suono dell’altoparlante interno era sorprendente. Un suono chiaro e nessun sovraccarico eccessivo al massimo volume. Certo, i bassi non sono dei migliori. Per quanto riguarda la qualità delle chiamate, non c’è nulla di cui lamentarsi. Il volume impostato massimo potrebbe essere un po’ più alto. In centro città a Berlino, ho avuto qualche problema a sentire il mio interlocutore.

Batteria

Koolnee K1 Trio AkkuKoolnee installa una batteria 4200mAh nel suo dispositivo. Nel test della durata della batteria, il K1 Trio ha raggiunto ben 8 ore e 30 minuti. Durante il giorno non si avranno sicuramente problemi. Con un uso normale, si può arrivare sicuramente a 2 giorni di uso. Un video su YouTube di 60 minuti consuma il 12% della batteria. Il telefono viene caricato con un caricabatterie 5V / 2A tramite una porta Micro-USB standard. La ricarica completa dal 19 al 100% richiede 2 ore e 22 minuti. Tuttavia, la lunghezza del connettore Micro-USB è piuttosto insolita. Infatti, è molto più lungo del solito. Tuttavia, la ricarica funziona anche con un altro cavo non dotato dal produttore. Koolnee K1 Trio PowerSavingIl cavo di ricarica del Koolnee può anche essere utilizzato per altri dispositivi Micro-USB. Forse il produttore ha creato un attacco così lungo in modo da poterlo utilizzare con ogni tipo di smartphone.

Come è già risaputo, Android indica all’utente in quanti minuti lo smartphone sarà completamente ricaricato. Quando il Koolnee K1 Trio è simile a un treno di trenitalia: quando il display indica la partenza nei prossimi 5 minuti, in realtà intende nei prossimi 15 minuti 🙁 .

Per inciso, la gestione energetica del sistema è davvero fastidiosa: quando si raggiunge il livello critico di carica della batteria del 15%, verrà costantemente ricordato di attivare la modalità di risparmio energetico.

 

Risultati durata della batteria Risultato Unità di misurà: ore

 

Conclusione e alternativa

7f383487dbcb98209350596a690860ea s131
Christian Müller:

Il Koolnee K1 Trio non è proprio il massimo. Il bel design, le buone prestazioni e il grande display sono cose che rendono lo smartphone piuttosto attraente. Soprattutto la prima impressione è dannatamente promettente e anche la fotocamera offre immagini niente male. Tuttavia, questo smartphone non ha una buona qualità costruttiva. A questo si aggiungono vari bug nel sistema, tra cui la torcia e l’avvio del Bluetooth, che indicano che la Koolnee manca ancora di esperienza e deve sistemare ancora qualche particolare. Tuttavia, la presenza di un cavallo di troia nel sistema è davvero negativa. Cosa stava cercando di fare? Ma grazie al aggiornamento attuale il cellulare è privo di qualsiasi cavallo di troia. Possiamo offrirvi come alternativa l’Honor 7X.

68%
  • Design e qualità costruttiva 70 %
  • Display 80 %
  • Sistema Operativo e prestazioni 20 %
  • Fotocamera 70 %
  • Connettività e comunicazione 80 %
  • Batteria 90 %

Confronto prezzi

"Ni hao! Se il nostro rapporto di prova vi ha aiutato, saremmo lieti di ricevere il vostro sostegno. Cliccando sul nostro confronto dei prezzi, ci supporti con il tuo acquisto. Così ci aiutano a gestire Chinahandys.net ulteriormente in modo indipendente e senza pubblicità. Grazie mille".
161 EUR*
10-15 giorni – Priority Direct Mail
Vai al negozio
180 EUR*
Vai al negozio
Solo 220 EUR*
2-3 giorni – Spedizione dall'Italia
Vai al negozio

*I prezzi includono la spedizione e dazi doganali. Modifiche intermedie dei prezzi, classifiche, tempi di consegna e costi possibili. Prezzi aggiornati il 25.09.2018

Iscriviti alla newsletter
Ricevi direttamente nella tua cassetta della posta tutte le novità sui cellulari e i gadget dalla Cina!
 
  Subscribe  
Notificami