Anche se i cellulari della Umidigi spesso non hanno dato buoni risultati nei nostri test, una cosa va detta su questo produttore: È tenace. E così, l’Umidigi One Pro mi ha accompagnato come dispositivo di prova per le ultime due settimane. Lo smartphone ha la pretesa di confondere la classe medio-bassa. L’One Pro combina un processore Helio P23 Octa-Core con un design premium che include un display con notch, così come piccole ma raffinate funzioni extra, come la ricarica wireless, fotocamera doppia, USB tipo C e altoparlante stereo. La Umidigi avrà finalmente fatto la mossa giusta con L’One Pro o lo smartphone è tutto fumo e niente arrosto? Cerchiamo di rispondere a questa domanda nella seguente recensione.

Umidigi One Pro 2

Paragone dell’Umidigi One con l’One Pro

Oltre alla versione Pro dell’Umidigi, c’è anche una versione standard. Non dispone di alcune funzioni aggiuntive come la ricarica wireless e l’NFC e ha solo 32GB di memoria interna invece di 64GB. Come piccola consolazione, tuttavia, la batteria della versione standard è leggermente più grande.

Vergleich Umidigi One vs One Pro

Design & Qualità costruttiva

Umidigi One Pro 5

Aprendo la semplice confezione dell’Umidigi One Pro, sono rimasto stupito. Dandone una seconda occhiata, questa sensazione di stupore rimane, anche se è relativamente ovvio che l’Umidigi One Pro è una sorta di incrocio tra l’iPhone X e l’Huawei P20 Pro. Indipendentemente da questo, alla Umidigi va detto che, nonostante il prezzo di vendita di soli 150€, è riuscita a creare un telefono cellulare che può davvero competere con qualsiasi smartphone di fascia alta. Lo smartphone ha una struttura in metallo di ottima qualità costruttiva, che copre la parte anteriore e posteriore del vetro. Il peso di 188g non è molto leggero, ma sottolinea il valore del telefono. Lo smartphone misura 148,4 x 71,4 x 71,4 x 8,5mm e può ancora essere utilizzato con una sola mano nonostante il grande display. Anche la porta USB tipo C sul lato inferiore accanto alla porta per cuffie da 3,5mm è una caratteristica positiva.

Umidigi One Pro 3 Umidigi One Pro 1

Particolarmente vistosa è la parte posteriore nella versione “Twilight”, che, ovviamente, si ispira all’Huawei P20 Pro. A seconda dell’incidenza della luce, il telefono cellulare riflette una luce blu, viola e turchese e ha un aspetto davvero elegante. I colori non cambiano come nell’originale, ma l’effetto è ancora impressionante. In alternativa, il telefono cellulare è disponibile con ottia di carbonio, per cui anche qui la superficie è costituita da vetro. Sul retro sono solo presenti il logo del produttore, il flash a LED e il modulo a doppia fotocamera, che sporge di circa un millimetro dalla facciata.

Poiché non ci sono altri elementi sulla parte posteriore e la parte anteriore è quasi interamente occupata dal display, ci si chiede dove sia andato il sensore di impronte digitali. Qui, la Umidigi si è davvero fatta venire una buona idea. Il sensore si trova sul lato destro della scocca, sotto il controllo di volume. Lo scanner è integrato direttamente nel pulsante principale. La posizione del sensore è ergonomica, in quanto il pollice è comunque posizionato in questa posizione quando si afferra il telefono. Lo sblocco richiede circa un secondo e riesce in circa 8 tentativi su 10. L’One Pro supporta anche Face-Unlock. Il riconoscimento facciale è comunque inteso piuttosto come supporto, se a volte il riconoscimento del dito non funzionasse. Alla luce del giorno, funziona in modo abbastanza affidabile e veloce, in stanze buie, invece, funziona poco o niente.

In poche parole: L’Umidigi One Pro ha un design di grande successo che lo distingue dalla massa. Tutti gli elementi di design sono stati copiati da altri produttori, ma, alla fine, conta il risultato complessivo. E questo è davvero qualcosa di cui la Umidigi può andare orgogliosa. L’One Pro è sicuramente uno dei più bei dispositivi a basso costo sul mercato.

Display

Umidigi One Pro 7

Il display dell’Umidigi One Pro misura 5,9 pollici in diagonale ed è in formato 19:9, notch compreso. Con una risoluzione di 1520 x 720 pixel, il telefono compatto raggiunge purtroppo solo 287PPI e si trova appena sotto il valore della retina. Chi si avvicina molto al display può ancora distinguere i singoli pixel. Ma la bassa risoluzione è ovvia, se si considera che consente di risparmiare sulla durata della batteria e sulla potenza di calcolo. La stabilità dell’angolo di visione e la riproduzione dei colori sono buone. La luminosità è inoltre sufficiente per utilizzare il display anche sotto la luce del sole. Nelle impostazioni, c’è anche la possibilità di attivare un filtro di luce blu per le ore serali. Tuttavia, non è disponibile alcuno strumento per impostare la rappresentazione del colore.

L’Umidigi One Pro ha un notch che occupa gran parte della parte frontale del display. Il notch ospita il sensore di prossimità, la telecamera anteriore e un LED di notifica. Al di sopra del notch, il margine del display è di soli 3mm. Sul lato inferiore, con un margine di 8mm, è un po’ più largo di quello dell’iPhone X. Per un dispositivo economico come l’One Pro, il rapporto display-corpo è ancora buono. Quando si ha uno smartphone con notch, ci si chiede, naturalmente, fino a che punto il sistema sia stato adattato e ottimizzato per questa “caratteristica”. È importante che i simboli vengano visualizzati correttamente e non siano tagliati al centro, come reagiscono le altre applicazioni e che l’area possa essere impostata su completamente nera, per nascondere la presenza del notch. Nel complesso, la Umidigi ha fatto un buon lavoro su questi punti. Dato che il notch, con una larghezza di 3,3 centimetri, è abbastanza ampio, è rimasto solo lo spazio per l’ora, per la ricezione di rete, il Wifi, e la batteria. Il bluetooth o un auricolare collegato non possono più essere visualizzati e diventano visibili solo quando la barra di stato viene tirata verso il basso. Ma questo non mi ha dato molto fastidio durante la fase di test. Ciò che ho trovato fastidioso, tuttavia, è la mancanza della possibilità di visualizzare la percentuale di batteria nel simbolo della batteria. Qui, avrebbero dovuto copiare la concorrenza. Per visualizzare l’esatta capacità della batteria, è anche necessario trascinare la barra di stato verso il basso. Tuttavia, la Umidigi fa un buon lavoro nella visualizzazione delle applicazioni. Nelle opzioni di visualizzazione, c’è la possibilità di limitare la visualizzazione all’area senza notch se un’applicazione non è adattata.

Umidigi One Pro 8

Il touch screen registra fino a 10 punti di contatto allo stesso tempo e funziona con precisione, in modo che si possa scrivere velocemente. Un altro grande vantaggio è che l’Umidigi dispone di vetri antigraffio su entrambi i lati.

Prestazioni

L’Umidigi funziona con un Helio P23 della MediaTek. L’Octa Core è costituito da un cluster di potenza con 4 x 2,3GHz e un cluster a risparmio energetico con 4 x 1,65GHz. La soluzione grafica viene garantita dall’ARM Mali G71 MP2 con 700MHz. Siamo stati anche in grado di certificare con i nostri dispositivi di prova precedenti, come col Cubot Power, che l’Helio P23 calcola in modo efficiente e non consuma molto dalla batteria. Gli Umidigi One e One Pro hanno anche 4GB di RAM: quello normale ha 32GB di memoria e il Pro 64GB.

Umidigi one pro AntutuUmidigi one pro Geekbench4 Umidigi one pro 3dmark

Le prestazioni dello smartphone Android lo rendono facile da usare: il sistema funziona molto bene e nelle attività di base (navigazione in Internet, WhatsApp, …) non si nota quasi la differenza rispetto a un modello più costoso. I giochi 3D possono essere giocati anche con l’Helio P23, ma a volte è necessario ridurre il livello grafico. Per i giocatori occasionali le prestazioni sono ancora sufficienti, i giocatori ambiziosi dovrebbero piuttosto dare una occhiata al Redmi Note 5.

Antutu Risultato Geekbench Multi Risultato Geekbench Single Risultato 3D Mark Risultato

La RAM è abbastanza grande con 4GB per alcune applicazioni in sfondo. In termini di capacità multitasking, possiamo dire che l’Umidigi One Pro ha un buon risultato. La memoria interna raggiunge una velocità di lettura di 160MB/s e una velocità di scrittura di 130MB/s. La memoria principale è veloce di 5GB/s. Per un cellulare in questa fascia di prezzo, questo è qualcosa di cui essere orgogliosi.

Sistema

Umidigi one pro 7Umidigi one pro 8 Umidigi one pro 9 Umidigi one pro 10 Umidigi one pro 11 Umidigi one pro 12

L’Umidigi One Pro funziona con Android 8.1. Grazie a Dio, il produttore ha mostrato intuizione e ha rinunciato all’Umi OS. Al suo posto, troviamo un sistema Android pulito senza grandi modifiche. Rispetto allo Xiaomi Mi A2 / A2 Lite, ci sono alcune impostazioni aggiuntive che migliorano notevolmente l’esperienza dell’utente. Ad esempio, è possibile impostare la posizione dei pulsanti di navigazione, cambiare il font o controllare le attività in background con DuraSpeed. Non ci sono bloatware nel sistema e anche il test dei virus è stato negativo. Il Google Play Store e la lingua italiana sono naturalmente disponibili e funzionano perfettamente.

Fotocamera

La fotocamera sul retro è composta da un sensore principale da 12MP e un’apertura di f/2.0 e una seconda fotocamera con 5MP. Il chip è della OmniVision e si chiama OV12870. Sulla parte anteriore è un singolo S5K3P3 con 16MP e un’apertura f/2.0 della Samsung. In termini di qualità dell’immagine, l’Umidigi One Pro mi ha sorpreso positivamente. Naturalmente, il cellulare non può tenere il passo con modelli che sono due o tre volte più costosi, ma, per la fascia di prezzo intorno ai 150€, le immagini sono superiori alla media. Alla luce del giorno, si ottengono scatti con una buona nitidezza e molti dettagli, solo i colori spesso sembrano un po’ pallidi. Quando si ingrandisce ulteriormente, appare un leggero rumore nell’immagine, ma le foto sono ancora accettabili. Non appena si fa sera e la luce diventa meno intensa, la qualità dell’immagine diminuisce naturalmente molto rapidamente.

Ma potete comunque scattare foto belle anche qui. Tuttavia, non si dovrebbe fare affidamento sull’autofocus del cellulare, che spesso tende a fallire in condizioni di scarsa illuminazione. Ma con un po’ di pazienza e messa a fuoco manuale, le immagini sono spesso ancora ben riuscite anche in questo caso. Il risultato della fotocamera posteriore può essere trasferito quasi perfettamente alla fotocamera anteriore. Anche qui, si ottengono buone foto con un discreto numero di dettagli quando c’è molta luce, ma alcune di esse sembrano un po’ pallide. I selfie non vengono bene con la fotocamera anteriore se c’è meno luce, perché vengono subito mossi.

Le registrazioni video con l’Umidigi One Pro sono ragionevolmente prestanti. Anche in questo caso, è necessaria molta luce per ottenere buoni video. Tuttavia, la messa a fuoco dei video sembra avere un problema e generalmente dato che reagisce molto lentamente. Stranamente, l’applicazione OpenCamera del Play Store offre video molto più nitidi. Tra l’altro, nelle impostazioni c’è un pulsante per la stabilizzazione elettronica dell’immagine (EIS). Tuttavia, questo non cambia il fatto che tutti i video in movimento siano troppo mossi.

E infine, la grande sorpresa. L’Umidigi One Pro ha una doppia fotocamera VERA. L’One Pro è quindi il primo smartphone a basso costo di un produttore più piccolo con una vera e propria doppia fotocamera. Congratulazioni! Naturalmente, la qualità degli scatti bokeh non può tenere il passo con quelli dei grandi produttori come Xiaomi e Meizu, ma con molta pazienza si ottengono risultati a così e così. Ammirate e meravigliatevi:

Connettività & Comunicazione

Umidigi One Pro 4

L’Umidigi One Pro è un telefono cellulare Dual-SIM. Due schede Nano-SIM possono essere utilizzate contemporaneamente nel cellulare. In alternativa, è possibile utilizzare uno dei due slot SIM per l’espansione della memoria tramite scheda Micro-SD. La ricezione della rete è sufficientemente forte e tutte le frequenze 3G e 4G importanti in Italia sono supportate. Inoltre, c’è tutta una serie di altre bande LTE, in modo che il telefono cellulare dovrebbe avere la ricezione 4G in quasi tutti i paesi del mondo:

4G TDD-LTE 34 /38 /39 /40 /41
4G FDD-LTE 1 /2 /3 /4 /5 /7 /8 /12 /13 /17 /18 /19 /20 /25 /26 /28A /28B

La qualità delle chiamate è nella media e si può anche telefonare tramite vivavoce. I rumori circonstanti saranno filtrati.

Umidigi one pro gps

È supportato anche il WiFi a doppia banda, ma devi fare a meno dello standard .ac. In pratica, tuttavia, questo non rappresenta una limitazione importante. Il bluetooth è supportato con lo standard 4.2, che è tipico anche per un cellulare di fascia media. L’Umidigi One Pro offre anche un giroscopio, una bussola elettronica, sensori di prossimità, accelerazione e luminosità e navigazione con GPS e GLONASS. La localizzazione funziona sorprendentemente bene e l’Umidigi può essere facilmente utilizzato come dispositivo di navigazione. L’Umidigi One Pro offre anche l’NFC in contrasto con la versione standard.

Per l’emissione del suono, l’altoparlante destro sul lato inferiore funziona molto bene. Parlare di vero suono stereo qui è quindi un po’ esagerato. Il suono è comunque buono e solo leggermente sovraccaricato, anche col volume più alto. In genere, per un cellulare di classe media, i bassi sono piuttosto trascurati.

Batteria

Umidigi one pro PCMARK

L’Umidigi One Pro ha una batteria da 3250mAh. La capacità è leggermente inferiore rispetto alla versione standard con 3550mAh, probabilmente per salvare spazio per la ricarica senza fili. La capacità della batteria è media per uno smartphone da 5,9 pollici. Durante tutta la giornata sono stato in grado di ottenere un tempo con schermo attivo tra le 4 e le 6 ore con l’Umidigi One Pro e la batteria di solito durava un giorno e mezzo. Anche se ci sono chiaramente cellulari più duraturi come il Redmi Note 5, questo risultato non è terribile.

Risultati durata della batteria Risultato Unità di misurà: ore

La batteria può essere ricaricata in 90 minuti utilizzando l’adattatore di rete in dotazione. Inoltre, l’One Pro supporta la ricarica senza fili con 15 watt. Avevamo a nostra disposizione solo un caricabatterie da 10W al momento del test, che ha richiesto circa 2 ore e 40 minuti di ricarica dal 10 al 90%. Con un’alimentazione corrispondentemente forte dovrebbe andare un po’ più veloce.

Conclusione e alternativa

f721819e0f1d724c31e0f8438c69ede3 s131
Erik Zürrlein:

L’Umidigi One Pro è uno dei migliori smartphone nella fascia di prezzo fino a 150€. Il telefono deve questo buon risultato alla sua qualità costruttiva eccellente, alla fotocamera considerevole e al sistema pulito. Inoltre, l’One Pro con carica wireless da 15W e porta USB tipo C offre alcune piccole caratteristiche che lo distinguono dalla concorrenza. Anche se l’One Pro è ancora in ritardo rispetto al Mi A2 Lite di Xiaomi o al Redmi Note 5 nei punti principali come la fotocamera o le prestazioni, può lottare per il suo meritato posto nella classe media. Chiunque abbia trovato questo telefono cellulare interessante, non commetterebbe un errore acquistandolo.

78%
  • Design e qualità costruttiva 100 %
  • Display 70 %
  • Sistema Operativo e prestazioni 70 %
  • Fotocamera 70 %
  • Connettività e comunicazione 90 %
  • Batteria 70 %

Confronto prezzi

Umidigi One Pro
A partire da 139 EUR
Umidigi One
A partire da 200 EUR
Solo 139 EUR*
10-18 giorni – EU priority Line
Vai al negozio
140 EUR*
10-15 giorni – Spedizione duty-free
Vai al negozio
163 EUR*
5-10 giorni – Spedizione dalla Cina
Vai al negozio
200 EUR*
2-3 giorni – Spedizione dall'Italia
Vai al negozio
200 EUR*
Prime-Versand innerhalb von 24 Stunden
Vai al negozio

*I prezzi includono la spedizione e dazi doganali. Modifiche intermedie dei prezzi, classifiche, tempi di consegna e costi possibili. Prezzi aggiornati il 16.12.2018

Iscriviti alla newsletter
Ricevi direttamente nella tua cassetta della posta tutte le novità sui cellulari e i gadget dalla Cina!
 
  Subscribe  
Notificami